L’ITALIANO DELLA POLITICA TRA PRIMA E SECONDA REPUBBLICA: CONCLUSIONI

UNIVERSITA’ DEGLI STUDI “G. D’ANNUNZIO”

CHIETI – PESCARA

DIPARTIMENTO DI LETTERE, ARTI E SCIENZE SOCIALI

CORSO DI LAUREA IN FILOLOGIA, LINGUISTICA E TRADIZIONI LETTERARIE

L’ITALIANO DELLA POLITICA TRA PRIMA E SECONDA REPUBBLICA

RELATORE CORRELATORE

Chiar.mo Prof. Emiliano Picchiorri Chiar.ma Prof.ssa Maria Teresa Giusti

LAUREANDO

Dario Lorè

Matricola n. 3171312

ANNO ACCADEMICO 2016/2017

 

Dario Lorè di Dario Lorè

Alla fine di questo lavoro, per l’ampiezza e la complessità del materiale analizzato, è giusto fare delle considerazioni. Il linguaggio utilizzato nell’ambiente politico in questi ultimi anni è direttamente condizionato dalle trasformazioni che la politica sta subendo, trasformazioni dalle mille sfaccettature, la maggior parte delle quali destano preoccupazione. Questa ricerca ne è la dimostrazione in ogni suo aspetto.

E allora viene spontaneo farsi delle domande: è in crisi la democrazia? È in atto un irrimediabile deterioramento dei regimi democratici, tale da lasciare presagire un triste futuro, una fine irreversibile? È sempre più accentuato il contrasto tra democrazia e demagogia, perché si fa un uso spropositato, individuale e personalistico della prima a tal punto da derivare nella seconda. <<La democrazia non gode nel mondo di ottima salute, e del resto non l’ha mai goduta anche in passato, ma non è sull’orlo della tomba>>[1]. Una riflessione di Bobbio ci aiuta a non insistere su accenti negativi; realistica e disincantata, e insieme animata da una grande passione civile, sortisce piuttosto esiti di vigile ottimismo e di pacata speranza. È possibile <<rendersi conto delle contraddizioni in cui versa una società democratica senza smarrirvisi, riconoscere i suoi vizi congeniti senza scoraggiarsi e senza perdere ogni illusione nella possibilità di migliorarla>>.

A tutto questo va appunto accostata l’importanza del linguaggio, perché attraverso la sua forza è capace di veicolare il progetto democratico. Qui abbiamo principalmente osservato le differenze occorse tra la Prima e la Seconda Repubblica. In questa differenza si è rilevato il fulcro della ricerca, segnalando a tratti involuzioni e a tratti evoluzioni della lingua, a riprova del fatto che il progresso non sempre porta con sé venti di positività. Più e più volte negli ultimi anni la grammatica italiana si è vista “mancata di rispetto” – se così si può dire – da parte di numerosi uomini politici.

Nonostante tutto, oggi, grazie alla rete, lo spazio della parola si è allargato a dismisura. Questo consente a ogni parola, specie se furbamente falsa, di raggiungere in pochissimo tempo un numero di persone impensabile fino a poco tempo fa. È anche così che le parole stanno paralizzando la politica. I demagoghi, però, c’erano anche quando l’agorà non era quella planetaria di Internet, ma solo una piazza della polis di Atene. <<E già all’epoca si poneva la questione della parresìa su cui>>, come ricorda Antonelli, <<si è soffermato anche Michel Foucault in una serie di conferenze tenute a Berkeley nel 1983. La parresìa (parola che appare per la prima volta in Europide) è una sorta di libertà di parola a cui è strettamente legata la nozione di verità. O almeno di sincerità: l’etica di parresìa prevede che ciascuno dica ciò che effettivamente pensa, ciò che effettivamente crede vero>>[2]. Questa trova il suo limite e la sua negazione nella retorica. Come spiegava bene Lorella Cedroni, <<la pratica della parresìa nell’antica Grecia a un certo punto si altera, rivelandosi, così, pericolosa per la democrazia: se ciascun cittadino può dire la sua e tutte le opinioni si equivalgono avendo pari dignità, l’accesso alla verità diventa problematico e, a volte, definitivamente precluso. Sorge allora l’esigenza di stabilire chi è titolato a esprimere la verità, avendo le capacità cognitive per discernere il vero dal falso>>[3].

E allora guai a considerare la tecnologia – Internet, i social network, gli smartphone – come qualcosa di negativo in sé. Si finirebbe col perpetuare quell’atteggiamento apocalittico troppo spesso assunto da una parte degli intellettuali italiani. E invece non bisogna fare l’errore storico che fece la sinistra demonizzando la televisione, in base a quell’atteggiamento di odio verso la novità che anche Pasolini aveva ereditato dalla scuola di Francoforte: <<la televisione emana da sé qualcosa di spaventoso>>[4]. Un atteggiamento che è durato per tutto il Novecento (ancora negli anni novanta, Bobbio sosteneva che la televisione era <<naturaliter di destra>>[5]) e ha finito col preparare il terreno all’avvento di Berlusconi.

Lo stesso rischia di succedere ora con Internet e il movimento di Grillo. Nella mistica grillista si avverte la continuazione di quella mitologia che ha accompagnato la rete al momento della sua apparizione. È questa la sensazione di Giuseppe Antonelli che, personalmente, mi sento di condividere dopo aver scandagliato con attenzione le reti sociali e lo sproporzionato utilizzo fattone dai nostri politici. Quella della rivoluzione digitale come rivoluzione non solo culturale e antropologica, ma anche politica. Una visione utopica e totalizzante di cui ultimamente ha fatto argomento di ricerca Evgeny Morozov in un libro intitolato Internet non salverà il mondo.

La rete non è né di destra né di sinistra: la rete è solo un mezzo. E il mezzo non è il messaggio né tantomeno il linguaggio. Bisogna reagire a questo determinismo tecnologico, cominciando col ripensare daccapo l’uno e l’altro. Partendo non dalle esigenze comunicative della rete, non dai dettami del marketing politico o dai risultati dell’ultimo sondaggio, ma dall’analisi della realtà. Prima il messaggio e poi il linguaggio.

In un dibattito del 1968, l’onorevole Malagodi esprimeva <<l’augurio che il nuovo governo possa agire per servire esclusivamente gli interessi obiettivi dell’Italia e non in vista della realizzazione di forme politiche eventuali e future delle quali è difficile oggi immaginare e valutare il contenuto concreto>>[6]. Con quella tipica “formula incantatoria” volutamente indecifrabile i liberali negavano fiducia al centrosinistra. Niente di più distante dallo stile politico attuale, tutto frasi brevi, enunciati diretti e <<vaffa>>, privo di sfumature e omologato sì, ma verso l’urlo e non verso i mezzi toni. Quella che Eco definiva <<pericolosa vacuità>> non viene più declinata per via di concettosità astratte, ma per via di una pseudo concretezza solo in apparenza più accessibile. Innumerevoli gli esempi: <<Dobbiamo creare competenze nella scuola e ripartire dalla capacità italiana di fare le cose>> (Renzi), <<Noi riteniamo che uno Stato moderno civile debba assolutamente trovare il modo di dare ai cittadini quanto a loro manca per passare una vita dignitosa>> (Berlusconi), <<Io non voglio che le pensioni ce le paghino gli immigrati che alla fine non pagheranno niente>> (Salvini), <<L’emigrazione? Bisogna affrontare questo tema con la volontà di risolverlo>> (Di Maio).

Applausi! Vacuità più casereccia che in passato. Ma che cosa è cambiato ancora in cinquant’anni nel discorso politico? La “formula incantatoria” degli uni non convive più con l’argomentazione persuasiva ma con la formula stregonesca degli altri. Uguale e (neanche tanto) contraria alla prima. Un finale – se così possiamo dire, ma ci si augura che non lo sia – già prospetto anche da Baumann. La <<pericolosa vacuità>> di Eco, infatti, possiamo riscontrarla anche nella <<società liquida e sotto assedio>>.

 

 

BIBLIOGRAFIA

Accademia degli Scrausi (a cura di), Versi Rock. La lingua nella canzone italiana degli anni ’80 e ’90, Rizzoli, Milano, 1998.

Acquaviva G., Covatta L. (a cura di), Il crollo. Il Psi nella crisi della prima Repubblica. Marsilio, Venezia, 2012.

Amato G., Graziosi A., Grandi illusioni. Ragionando sull’Italia. Società editrice il Mulino, Bologna, 2013.

Amenta L., Il linguaggio della politica nella rete, in Storia della lingua italiana e storia dell’Italia unita: l’italiano e lo stato nazionale. Atti del IX convegno ASLI (Firenze, 2-4 dicembre 2010), a cura di Nesi A., Morgana S., Maraschio N., Cesati, 2011.

Antonelli G., L’italiano nella società della comunicazione 2.0, Società editrice Il Mulino, Bologna, 2007.

Antonelli G., Sull’italiano dei politici nella Seconda Repubblica, in AA. VV. 2000.

Antonelli G., Volgare Eloquenza: come le parole hanno paralizzato la politica. Gius. Laterza e figli, Bari, 2017.

Baker P., Using Corpora in Discourse Analysis, Continuum, London, 2006.

Barbato A., Il Ghino caduto, in “l’Unità”, 16 dicembre 1992.

Bartali R., La nuova comunicazione politica: il partito telematico una ricerca empirica sui partiti italiani, Working Paper 40 (Working Papers del Dipartimento di Scienze Storiche, Giuridiche, Politiche e Sociali dell’Università degli Studi di Siena), 2000.

Beccaria G., Linguaggi settoriali e lingua comune, in Beccaria G. (a cura di), I linguaggi settoriali in Italia, Bompiani, Milano, 1973.

Bentivegna S., La politica in rete, Meltemi, Milano, 1999.

Bentivegna S. (a cura di), La politica in 140 caratteri. Twitter e spazio pubblico, FrancoAngeli, Milano, 2014.

Bentivegna S., Parlamento 2.0. Strategie di comunicazione politica in Internet, FrancoAngeli, Milano, 2012.

Berlinguer E., La questione morale. La storica intervista di Eugenio Scalfari. Aliberti, Roma, 2012.Berlusconi S., Discorsi per la libertà, Mondadori, Milano, 2013.

  1. Berruto, Per una caratterizzazione del parlato: l’italiano parlato ha un’altra grammatica?, in Holtus G., Radtke E., Gesprochenes Italienisch in Geschichte und Gegenwart, Narr, Tubinga, 1985.

Bobbio N., “Com’è finita male la Prima Repubblica”, in “La Stampa”, 20 gennaio 1993.

Bobbio N., Destra e sinistra. Ragioni e significati di una distinzione politica, edizione del ventennale Donzelli, Roma, 2014.

Bobbio N. et al., Dizionario di Politica. Unione Tipografico-Editrice Torinese, Torino, 1983.

Bobbio N., Il futuro della democrazia, Einaudi, Torino, 1984.

Bourdieu F., Sulla televisione, Feltrinelli, Milano, 1997.

Brambilla C., “Sì, la politica ha bisogno di noi”, in “La Repubblica”, 28 luglio 1993.

Breda M., La guerra al Quirinale. La difesa della democrazia ai tempi di Cossiga, Scalfaro e Ciampi, Garzanti, Milano, 2006.

Brocca N., Garassino D., “Parola alla rete”. La pragmatica della citazione e del Retweet nei profili Twitter di alcuni politici italiani. Un’analisi qualitativa e quantitativa, in <<Rassegna Italiana di Linguistica Applicata>>, II-III, 2016.

Buccini G., Fenomenologia grillina del superuomo di massa, in “Corriere della Sera”, 12 febbraio 2017.

Cafagna L., Cossiga, in “Mondoperaio”, settembre 2010.

Cafagna L., Il “capitano” Craxi e la nave che ripartì, in “Mondoperaio”, luglio-ottobre 2003.

Cafagna L., Il tarlo dell’antipolitica, in “Mondoperaio”, gennaio-febbraio 2002.

Cafagna L., La grande slavina. L’Italia verso la crisi della democrazia. Marsilio, Venezia 2012 (I ed. 1993).

Calise M., La Terza Repubblica. Partiti contro presidenti, Laterza, Roma-Bari, 2006.

Campus D., L’antipolitica al governo. De Gaulle, Reagan, Berlusconi. Il Mulino, Bologna, 2006

Candito M., Il 70 per cento degli italiani è analfabeta (legge, guarda, ascolta, ma non capisce), in “La Stampa”, 10 gennaio 2017.

Cassese S., Governare gli italiani. Storia dello Stato. Il Mulino, Bologna, 2014, pp. 358-362.

Catricalà M., Nuovi “accenti” politici, in “Italiano & oltre”, XIII, 1998.

Cavazza N., Guidetti M., Swearing in Political Discourse: Why Vulgarity Works, Journal of language and social psychology, vol. 33, 2014.

Cedroni L., Verità, parresia e politica nell’antica Grecia, su “Spazio filosofico”, 2012.

Chiaberge R., Una “Cosa” né Lega né Pds, in “Corriere della Sera”, 28 luglio 1993.

Chiari I., Il lessico di base del discorso parlamentare nel continuum dell’italiano, in Giuliano-Villani (a cura di), Il linguaggio della leadership politica tra la Prima e la Seconda Repubblica. Problemi di metodo e di ricerca, Tipografia della Camera dei Deputati, Roma, 2015.

Chilton P., Analysing politcal discourse: theory and practice, Routledge, Londra, 2004.

Chomsky N., Il potere dei media, Vallecchi, Firenze, 1994.

Chomsky N., Herman E.S., La fabbrica del consenso. La politica e i mass media. Il Saggiatore S.r.l., Milano, 2014.

Cortelazzo M., da Annali del Lessico Contemporaneo Italiano. Neologismi 1993-94, Esedra, Padova, 1995.

Cortelazzo M., Dal parlato al (tra)scritto: i resoconti stenografici dei discorsi parlamentari, in Holtus G., Radtke E., Gesprochenes Italienisch in Geschichte und Gegenwart, Narr, Tubinga, 1985.

Croce B., Storia d’Italia dal 1871 al 1915, Laterza Editori, Bari, 1928.

D’Alema M., Ghezzi E., Parole a vista, Bompiani, Milano, 1998.

Dell’Anna M.V., Lingua italiana e politica, Carocci, Roma, 2010.

Dell’Anna M.V., Lala P., Mi consenta un girotondo. Lingua e lessico nella Seconda Repubblica, Mario Congedo Editore, Galatina, 2004.

De Mauro T., A proposito di politica e linguaggio in L’italiano della politica e la politica per l’italiano, Librandi R. e Piro R. (a cura di), Franco Cesati Editore, Firenze, 2016.

De MauroT., Il linguaggio della camera, in AA. VV. La camera dei Deputati a Montecitorio: storia fotografica, 24 Ore cultura, Milano, 2010.

De Mauro T., Per lo studio dell’italiano popolare unitario, introduzione ad Annabella Rossi, Lettere da una tarantata, De Donato, Bari, 1970.

De Mauro T., Storia linguistica dell’Italia unita, Editori Laterza, Roma, 2008.

De Santis C., “Pensiamo, pensavamo e penseremo”: strategie di costruzione dell’autorità in L’italiano della politica e la politica per l’italiano, Librandi R. e Piro R. (a cura di), Franco Cesati Editore, Firenze, 2016.

Desideri P., La <<voce della ragione>>: il linguaggio politico di Aldo Moro in L’italiano della politica e la politica per l’italiano, Librandi R. e Piro R. (a cura di), Franco Cesati Editore, Firenze, 2016.

Desideri P., L’italiano della Lega/1, in “Italiano e oltre”, VII, 1993.

Desideri P., Teoria e prassi del discorso politico, Bulzoni, Roma, 1984.

Deutsch K.W., Politics and Governement, How People decide their Fate, Houghton Mifflin, Boston, 1970.

  1. Devoto, G. Oli, L. Serianni, P. Trifone, Nuovo Devoto-Oli. Il vocabolario dell’italiano contemporaneo 2018, Le Monnier, Firenze, 2017.

Di Caro P., Berlusconi: se il Paese mi chiama…, in “Corriere della Sera”, 24 novembre 1993.

Di Nucci L., La democrazia distributiva. Saggio sul sistema politico dell’Italia Repubblicana. Società editrice il Mulino, Bologna, 2016.

Di Stefano P., La nuova vacuità della politica, in “Corriere della Sera”, 30 gennaio 2018.

Eco U., Il messaggio persuasivo in Le ragioni della retorica, Fenocchio G. (a cura di), Mucchi Editore, Modena, 1986.

Fedel G., Parola mia. La retorica di Silvio Berlusconi, in “Il Mulino. Rivista di cultura e di politica”, III (2003).

Foa V., Questo Novecento, Einaudi, Torino, 1996.

Galizia M. (a cura di), Forme di Stato e forme di governo, Giuffrè editore, Milano, 2007.

Gambaro M., Puglisi R., La politica ai tempi di Twitter, in <<il Mulino>>, 2013, 2.

Gans H., Deciding What’s news. Vintage, New York, 1980.

Gatti R., Non è più tempo di satira politica. Intervista a Beppe Grillo, in “L’Espresso”, 8 marzo 1992.

Giglioli P., I due codici comunicativi in La comunicazione politica in Italia, a cura di Jader Jacobelli, Editori Laterza, Roma, 1989.

Giuliano L., La parola del leader: profili di linguaggio parlamentare a confronto tra la Prima e la Seconda Repubblica, in L’italiano della politica e la politica per l’italiano, Librandi R. e Piro R. (a cura di), Franco Cesati Editore, Firenze, 2016.

Goffman E., Form of Talks (1981). Forme del parlare, traduzione di Franca Orletti, collana <<Saggi>>, Il Mulino, Bologna, 1987.

Golbeck J., Grimes J., Rogers A., Twitter Use by the U.S. Congress College of Information, in <<Journal of the American Society for Information Science and Technology>>, LXI (2010).

Gualdo R., Il linguaggio politico in Lingua e identità. Una storia sociale dell’italiano, Trifone P. (a cura di), Carocci Editore, Roma, 2009.

Gualdo R., I nuovi linguaggi della politica italiana, in “Studi linguistici italiani”, XX, 2004.

Gualdo R., Dell’Anna M.V., La faconda repubblica: la lingua della politica in Italia (1992-2004), Manni Editori, San Cesario di Lecce, 2004.

Honeycutt C, Herring S.C., Beyond Microblogging: Conversation and Collaboration via Twitter, in <<Hawaii International Conference on System Sciences>>, 2009.

Imarisio M., Il caso Raggi e il gigantesco bar sport oltre gli argini della convivenza civile, in “Corriere della Sera”, 10 febbraio 2017.

Leiss A., Paolozzi L., Diritti e rovesci dell’informazione – il giornalismo politico nell’Italia degli anni ’90, Sisifo, Roma, 1995.

Leiss A, Paolozzi L., Lo specchio in pezzi: il caso italiano, in Chomsky N., Herman E.S., La fabbrica del consenso. La politica e i mass media. Il Saggiatore S.r.l., Milano, 2014.

Lemma A., Politici e male parole: specchio del paese, intervista a Tullio De Mauro, agenzia di stampa “La presse”, 3 febbraio 2016.

Leso E., Lingua e rivoluzione.  Ricerche sul vocabolario politico italiano del triennio rivoluzionario 1796-1799, Istituto veneto di scienze lettere ed arti, Venezia, 1991.

Librandi R. e Piro R. (a cura di), L’italiano della politica e la politica per l’italiano, Franco Cesati Editore, Firenze, 2016.

Lo Cascio V., Grammatica dell’argomentare. Strategie e strutture, La Nuova Italia, Firenze, 1991.

Lovari A., Martari Y., Scrivere per i social network, Le Monnier, Firenze, 2013.

Mazzocchi S., La lingua nell’era dei social network, un passaggio epocale, “La Repubblica”, 24 settembre 2014.

Mazzoleni G., La comunicazione politica, Società Editrice Il Mulino, Bologna, 1998.

Medici M., La parola <<nuovo>> come impegno e come visione politica nel linguaggio politico di Aldo Moro, in “Sallentum”, V (1982), 1.

Merlo F., Insulti e nomi storpiati da Grillo, in “La Repubblica”, 12 novembre 2012.

Merlo F., La lingua di legno è un manganello. Dagli scarponi chiodati all’hashtag #enricostaisereno in L’italiano della politica e la politica per l’italiano, Librandi R. e Piro R. (a cura di), Franco Cesati Editore, Firenze, 2016.

Montanelli I., Liberali di destra e liberali di sinistra, nella rubrica “La stanza di Montanelli” in “Corriere della Sera”, 7 maggio 2001.

Moro A., L’intelligenza e gli avvenimenti. Testi 1959-1978, Garzanti, Milano, 1979.

Moro A., Una politica per i tempi nuovi, Agenzia <<Progetto>>, Roma, 1969.

Mortara Garavelli B., Manuale di retorica, Bompiani, Milano, 1988.

Murgese E. intervista F. Huebler dell’UNESCO Institute for Statistics in “Analfabeti funzionali, il dramma italiano: chi sono e perché il nostro Paese è tra i peggiori”, in “L’Espresso”, 07 marzo 2017.

Niola M., #Hashtag. Cronache da un paese connesso, Bompiani, Milano, 2014.

Pallotta G., Dizionario del politichese, SugarCo Edizioni, Milano, 1991.

Panebianco A., In cerca del nuovo, in “Corriere della Sera”, 7 aprile 1992.

Pasolini P.P., Scritti corsari, Garzanti, Milano, 1975.

Paternostro G., Sottile R., <<In alto i cuori/L’Italia cambia verso>>. Discorso politico e interazione nei social network in L’italiano della politica e la politica per l’italiano, Librandi R. e Piro R. (a cura di), Franco Cesati Editore, Firenze, 2016.

Pedullà W., Breve storia dell’oratoria politica nell’Italia Unita, introduzione a Parole al potere. Discorsi politici italiani, Rizzoli, Milano, 2011.

Perelman C., Olbrechts Tyteca L., Trattato dell’argomentazione, Einaudi, Torino, 1966.

Petrilli R. (a cura di), La lingua politica. Lessico e strutture argomentative, Carocci Editore, Roma, 2015.

Pombeni P. (a cura di), Storia dei partiti italiani, Società editrice il Mulino, Bologna, 2016.

Prosperi A. in Bocchi A., L’eterno demagogo, Nino Aragno Editore, Torino, 2011.

Prospero M., La Costituzione tra populismo e leaderismo, Franco Angeli, Milano, 2007.

R.M.F., Amato: “La patrimoniale sulla casa vale una cena per tre persone”, in “Corriere della Sera”, 15 luglio 1992.

R.R., Il leader del PSI però insiste: basta col “teatrino dell’ipocrisia”, in “Corriere della Sera”, 5 luglio 1992.

Ricolfi L., L’ultimo Parlamento. Sulla fine della prima Repubblica. Carocci, Roma, 1993.

Rielli D., Storie dal mondo nuovo, Adelphi, Milano, 2016.

Sabatini F., “L’italiano dell’uso medio”: una realtà tra le varietà linguistiche italiane, in Holtus G., Radtke E., Gesprochenes italienisch in geschichte und gegenwart, Narr, Tubinga, 1985.

Sabbatucci G., Il trasformismo come sistema. Saggio sulla storia politica dell’Italia unita, Laterza, Roma-Bari, 2003.

Salmon C, Gasparri G., Storytelling. La fabbrica delle storie, Fazi Editore, Roma, 2008.

Santarelli E., Storia critica della Repubblica. L’Italia dal 1945 al 1994, Feltrinelli, Milano, 1996.

Sartori G., Homo Videns. Televisione e post pensiero, Editori Laterza, New York, 1998.

Sartori G., Poli elettorali? No, ammucchiate, in “Corriere della Sera”, 12 febbraio 1994.

Satta L., Scrivendo & parlando: usi e abusi della lingua italiana, Sansoni, Firenze, 1988.

Scalfari E., Il governo dello scippo, in “la Repubblica”, 7 marzo 1993.

Scalfari E., Un cumulo di macerie, in “la Repubblica”, 16 dicembre 1992.

Scoppola P., La repubblica dei partiti. Profilo storico della democrazia in Italia (1945-1990), Il Mulino, Bologna, 1991.

Segre C., Così degrada la nostra lingua. L’italiano e i registri violati, in “Corriere della Sera”, 13 gennaio 2010.

Serianni L., Antonelli G., Manuale di linguistica italiana. Storia, attualità, grammatica, Bruno Mondadori, Milano, 2011.

Serra M., L’amaca, in “La Repubblica”, 7 febbraio 2017.

Spina S., Fiumi di parole. Discorso e grammatica delle conversazioni scritte in Twitter, StreetLib, Milan, 2016.

Spina S., Cancila J., Gender issues in the interactions of Italian politicians on Twitter: Identity, representation and flows of conversation, in <<International Journal of Cross-cultural Studies and Environmental Communication>>, II (2013), 2.

Spina S., Il Perugia Corpus: una risorsa di riferimento per l’italiano. Composizione, annotazione e valutazione, in Proceedings of the First Italian Conference on Computational Linguistics CLiC-it 2014, a cura di R. Basili, A. Lenci, B. Magnini, Pisa University Press, Pisa, 2014.

Spina S., La politica dei 140 caratteri: l’equivoco della brevità e l’illusione di essere social, L’italiano della politica e la politica per l’italiano, Librandi R. e Piro R. (a cura di), Franco Cesati Editore, Firenze, 2016.

Spina S., Openpolitica. Il discorso dei politici italiani nell’era di Twitter, FrancoAngeli, Milano, 2012.

Stella G.A., L’inglesorum del ministro, in “Corriere della Sera” del 6 ottobre 2004.

Tani M., <<Tutto per i dialetti, niente attraverso di essi>>. La politica linguistica della Lega Nord dalle origini a oggi tra dichiarazioni programmatiche ed effettiva prassi scrittoria in L’italiano della politica e la politica per l’italiano, Librandi R. e Piro R. (a cura di), Franco Cesati Editore, Firenze, 2016.

Tavosanis M., L’italiano del web, Carocci, Roma, 2011.

Thompson M., La fine del dibattito pubblico. Come la retorica sta distruggendo la lingua della democrazia, Feltrinelli, Milano, 2017.

Travaglio M., Gomez P., Inciucio. Come la sinistra ha salvato Berlusconi. La grande abbuffata RAI e le nuove censure di regime, da Molière al caso Celentano. L’attacco all’Unità a l’assalto al Corriere, BUR, Milano, 2005.

Travaglio M., Gomez P., La repubblica delle banane, Editori Riuniti, Roma, 2001.

Urbinati N., Ragazzoni D., La vera Seconda Repubblica. L’ideologia e la macchina. Raffaello Cortina Editore, Milano, 2016.

Zaga C., Twitter: un’analisi dell’italiano nel micro-blogging, in <<Italiano LinguaDue>>, IV (2012), 1.

Zappavigna M., Searchable talk: The linguistic functions of hashtags, in <<Social Semiotics>>, 2015.

Zappavigna M., The Discourse of Twitter and Social Media. How We Use Language to Create Affiliation on the Web, Continuum, Londra, 2012.

Zuccolini R., Capezzone: Moretti rimandi “Il Caimano”, nel “Corriere della Sera”, 26 febbraio 2006.

 

SITOGRAFIA

Conti C., Parla come navighi, come cambia la lingua nell’epoca di internet, sul blog “La voce del tempo”. (www.lavocedeltempo.it)

Cosenza V., Osservatorio Social Media, 2015. (http://vincos.it/osservatorio-facebook/)

INAPP, Mineo S., Le competenze e l’autovalutazione, Intervento a “Le competenze per Industria 4.0 e per la trasformazione digitale”, Brescia, Isfor, 12 luglio 2017. Isfol OA: http://isfoloa.isfol.it/xmlui/handle/123456789/1646.

Mongardi S., Twitter in Italia: I numeri e gli hashtag dell’anno, 2014. (http://www.thewebmate.com/2014/01/22/twitter-in-italia-numeri-e-gli-hashtag-dell-anno/)

Novelli S., L’ira recitata di Beppe Grillo, in Treccani s.d. http://urlin.it/12dfa7

Ondelli S., Populismo e parolacce nella comunicazione politica: Beppe Grillo, pubblicato nel portale Treccani.it. http://www.treccani.it/magazine/lingua_italiana/speciali/leader/Ondelli.html

http://bartezzaghi.blogautore.repubblica.it/

http://www.beppegrillo.it/

http://www.camera.it/leg17/1

http://www.corriere.it/spettacoli/15_marzo_25/tangentopoli-grande-successo-la-fiction-1992-che-batte-gomorra-b05ccaf2-d2f9-11e4-9209-9dd80f8535a2.shtml 

https://www.facebook.com/LuigiDiMaio/

https://www.facebook.com/matteorenziufficiale/

https://www.facebook.com/salviniofficial/

https://www.facebook.com/SilvioBerlusconi/

https://www.ilfattoquotidiano.it/category/archivio/

http://www.ilgiornale.it/tag/archivio.html

http://www.manualeinternet.it/online/temi/la-dimensione-politica-di-internet/

http://ricerca.repubblica.it/

http://www.senato.it/home

http://www.treccani.it/vocabolario/

http://urlin.it/12e077

SocialismoItaliano1892

E’ un progetto che nasce con l’intento “ambizioso” di far conoscere la storia del socialismo italiano (non solo) dei suoi protagonisti noti e meno noti alle nuove generazioni. Facciamo comunicazione politica e storica, ci piace molto il web e sappiamo come fare emergere un fatto, una storia, nel grande mare della rete.