APPELLO PER LIVORNO 2018 – RITORNO AL FUTURO

La Storia è l’avvenire

Noi Socialiste e Socialisti, di diverso orientamento e provenienza, ma uniti dalla volontà di un comune destino, riteniamo sia giunta l’ora di superare una scissione che, al di là delle ragioni storiche che l’hanno generata, oggi di sicuro non ha più ragione di esistere: la scissione di Livorno del 1921. Fu la scissione che portò alla sconfitta del partito Socialista e all’emergere del fascismo e della dittatura mussoliniana.

Lo hanno riconosciuto anche molti artefici di quella scissione: “aveva ragione Turati” disse Umberto Terracini, storico dirigente e fondatore del PCd’I.

Oggi occorre ripartire da qui, dagli errori storici, e da quelli più recenti che hanno massacrato l’Idea Socialista in Italia. Nel XXI secolo il socialismo, come idea di società retta da valori diversi e alternativi da quelli oggi dominanti, è più che mai attuale, soprattutto in un mondo dove non regnano la pace, la giustizia e la libertà e crescono le diseguaglianze.

Una generica sinistra senza aggettivi non è in grado oggi di rispondere alle domande e ai problemi che hanno coloro che fanno del lavoro e della sua ricerca la propria ragione di vita, ma non è neppure in grado di valorizzare i meriti dei tanti giovani che, a causa di una società bloccata da consorterie, corporazioni, clientele e associazioni criminali, debbono andare all’estero per vedere riconosciuta la propria professionalità.

L’involuzione neoliberista, il ritorno di fenomeni fascisti, le migrazioni epocali, lo sfaldarsi delle altre culture politiche storiche della sinistra italiana, europea e mondiale richiedono la ricostruzione, qui ed oggi, di una forza Socialista nel e per il ventunesimo secolo, per far fronte alle sfide nuove che si prospettano, e con un’organizzazione che sia adatta a sostenere queste sfide.

Sono sfide epocali, a cominciare dal cambiamento climatico e dal diniego di accesso di milioni e milioni di esseri umani, anche i tenera età, a beni primari, dall’acqua potabile, ai beni per nutrirsi, alla cura della propria salute, all’istruzione, e lo possiamo fare solo partendo dall’unica cultura politica che tutt’ora è viva, quella socialista, che deve però essere alimentata da nuovi apporti.

Noi socialisti firmatari di questo Appello riteniamo che sia sempre più necessario

  • Riunire le sensibilità di chi si riconosce nel socialismo democratico e nell’azionismo di Giustizia e Libertà,
  • Ridare piena dignità politica a tutte quelle aggregazioni di compagni e compagne che in questi anni nel paese hanno tenuto alta, con orgoglio, la “rossa bandiera su cui splende il sol dell’avvenir”,
  • Sostenere chi sta lottando per il lavoro, i diritti umani, sociali e civili, per l’uguaglianza, la libertà e la democrazia.

E’ innanzitutto a loro che ci rivolgiamo per porre termine ad una diaspora infinita di un popolo che voce non ha.

Nello stesso tempo lanciamo un appello a tutti coloro e che hanno sostenuto il NO al referendum costituzionale del 4 dicembre e che, sull’onda delle campagne contro le leggi elettorali incostituzionali, sono stati i sostenitori per una giusta battaglia che ha battuto la “narrazione” renziana, e che continuano a lottare affinchè il popolo italiano possa scegliersi i suoi rappresentanti con un voto eguale, libero personale e diretto, battendo l’ennesimo esproprio della volontà popolare predisposto e votato con il “Rosatellum”.

Per costruire un’Italia nuova democratica e solidale è necessario ripartire dalle origini del pensiero socialista, dalle sue parole d’ordine che erano e debbono tornare ad essere dirimenti:

Libertà civili, Giustizia sociale, voto proporzionale, imposte progressive.

Per questi motivi chiediamo a tutti i socialisti, ovunque essi siano, e a tutti coloro che vorranno condividere con noi le battaglie per la democrazia, ad

 organizzare in tutte le regioni e nelle città degli incontri preparatori della

 grande manifestazione dell’orgoglio socialista che si terrà

a Livorno SABATO 24 marzo 2018

l’evento si terrà presso la sede della

“Società Volontaria di Soccorso”

57121 – Via delle Corallaie 10 – Livorno nord

Tel.0586/428.001 Fax. 0586/411.877

mail: livornonord@pubblicaassistenza.it

www.pubblicaassistenza.it

e che avrà quale titolo

“Livorno 1921, aveva ragione Turati”

Sempre Avanti! compagne e compagni, la traversata del deserto sta per finire,

il sol dell’avvenire sta risorgendo!!!

PER LE ADESIONI si può scrivere a: socialismoitaliano1892@gmail.com
INVIANDO il proprio indirizzo mail, numero telefonico e provincia di residenza.

Felice Besostri, Nino Martino, Massimo Bianchi, Turi Lombardo, Dario Allamano, Nicola Cariglia, Andrea Ermano, Marzia Casiraghi, Patrizia Virdis, Vincenzo Lorè, Giampaolo Mercanzin, Giampaolo Pagliai, Aldo Potenza, Angelo Sollazzo, Giancarlo Caldone (Sindaco di Volpedo), Silvano Veronese, Paola Bodojra, Daniela Cioci, Pina Cristadoro, Anna D’Amico, Annalisa DeTata, Anna Maria Pagano, Susy Rame, Domenico Argondizzo, Antonio Autuori, Luca Biagini, Marco Brunazzi, Michele Cassotta, Daniele Cavaleiro, Siro Centofanti, Gianluca Chiesa, Roberto Ciancaleoni, Mattia Corsini, Angelo Cresco, Aurelio Dozzini, Daniele D’Ubaldo, Sergio Ferrario, Renzo Fratton, Franco Gai, Giuseppe Josi, Bruno LoDuca, Massimo Lotti,  Antonio Meda, Bruno Mezzalira, Pietro Morabito, Gianni Natali, Giovanni Oranges, Fabio Panariello, Emanuele Pillitteri, Roberto Ranucci, Giuliano Romani, Stefano Rosati, Mauro Scarpellini, Luciano Taborchi, Luciano Vita, Luciano Zacchini, Stefano Zaffera, Arsenio Ermano, Antonino Reina, Massimiliano Pastore, Giuseppe Iacopini, Sergio Labonia, Sergio Rizzi, Valter Casolari Rojas, Ennio Succi, Elio Danza, Fiorenzo Faini, Sergio Eletto, Nicolino Corrado, Stefano Orsi, Antonio Caputo, Sergio Negri, Bebo Moroni, Emiliano Mazzoli, Giovanni Battista Martini, Renato Pezzoli, Pietro Maria Delfino, Juan Camilo Zuluaga, Partito Socialista Italiano Castellamonte (TO) Il Segretario Morgando Vigna – Il Presidente Eugenio Bozzello, Fernando Rosato, Giulia Venia, Fulvio Fasano, Vincenzo Dongiovanni, Carlo Felici, Guerino Deluca, Annita Ferri, Alberto Acquarelli, Roberto Finessi, Giacomo Risso, Salvatore Cadau, Piero Ferrari, Umberto Costi, Antonello Sabiu, Mario Salvatore, Vincenzo Pettinella, Carmine Eliseo, Antonio Martino, Massimo Iannelli, Marco Raveggi, Giorgio Pratolongo, Pino Josi, Luigi Sergio Ricca, Marisa Cobellini, Gabriele Martinelli, Gennaro Acerra, Carlo Genovesi, Gianluca Soliani (Presidente della Federazione Psi Reggio Emilia), Virginio Dall’Aglio (Resp.le Organizzativo Federazione Psi Reggio Emila), Francesco Altomare, Stefano Betti, Simone Landi, Domenico Grassi, Fausto Fareri, Ivano Cannone, Felice Lombardi, Giuseppe Frabbri,  Andrea Fabbri,



 

E’ un progetto che nasce con l’intento “ambizioso” di far conoscere la storia del socialismo italiano (non solo) dei suoi protagonisti noti e meno noti alle nuove generazioni. Facciamo comunicazione politica e storica, ci piace molto il web e sappiamo come fare emergere un fatto, una storia, nel grande mare della rete.