EUROPEE: IL SOL DELL’AVVENIRE NON SI E’ SPENTO COME CREDE L’ESPRESSO

di Carlo Patrignani

I candidati millennial tra i Democratici Usa riscoprono il socialismo. In Europa, invece, il sol dell’avvenire si è spento. E’ quel che in bella evidenza compare alla fine dell’editoriale sulla diffusione del socialismo democratico negli Usa di Marco Damilano direttore dell’Espresso, che ospita nello stesso numero in un’interessante ed illuminante intervista Avanti popolo. Umanista a Benoit Hamon, ex Ministro dell’Economia del disastroso governo di Francois Hollande.

Come noto, Hamon ha lasciato il Psf, ridotto ai minimi termini alle elezioni presidenziali che hanno incoronato Emmanuel Macron, ha lanciato il movimento Generation.s con attivisti, intellettuali, economisti come Thomas Piketty, e ha aderito al movimento transnazionale Diem25 di Yanis Varoufakis che si presenterà alle prossime delicatissime elezioni europee del 2019 con l’ambizioso progetto culturale e politico Primavera Europea per un New Deal europeo.

E’ vero che sotto la forte spinta di Bernie Sanders e la formazione Democratic Socialists of America (DSA), il socialismo democratico sta prendendo piede negli Usa soprattutto tra i millennial, i giovani, i disoccupati, gli operai, il ceto medio, non è affatto vero che, invece, in Europa il sol dell’avvenire si è spento: basta vedere il successo straordinario – 40% alle elezioni politiche del 2017, del Labour Party di Jeremy Corbyn, o i governi diretti da un socialista: Antonio Costa in Portogallo e Pedro Sanchezin Spagna.

La sinistra dell’Europa guarda a Jeremy Corbyn, titola il magazine Usa, Politico, nel servizio dedicato al vegliardo leader del Labour Party che messa in soffitta la terza via di Tony Blair, tanto cara al Pd, ha ripreso il socialismo delle origini con le sue ragioni di esistenza: l’analisi e la critica del capitalismo, del neoliberismo e delle politiche di austerità, a partire dalla nazionalizzazione dei servizi pubblici essenziali per la collettività: sanità, istruzione, trasporti, energia; e i suoi valori: uguaglianza, libertà, giustizia sociale e politica, libera circolazione delle persone, per costruire una società for the many, not the few.

Non spetta a me dire agli altri partiti (di sinistra) cosa scegliere e come farlo – afferma Corbyn nel servizio di Politico – Il mio messaggio è semplicemente questo: se la sinistra nel suo complesso in tutta Europa si oppone alle politiche di austerità, adempie alla sua storica missione di ridistribuzione della ricchezza e del potere in tutta la società, in tal modo può portar via lo spazio che l’estrema destra sta cercando di invadere, di occupare al momento.

Corbyn e il movimento – Momentum – dei millennial, dei giovani, dei disoccupati, degli operai e del ceto medio entrato a far parte del New Labour Party  sono l’esempio del successo in Europa di come rinnovare un partito (di sinistra), pena la carneficina come in Francia, Olanda, Germania e Italia, e fare buona politica – senza rincorrere l’irreale centro politico – per la gente comune: insomma la parola socialismo non è più una bestemmia.

Da parte sua Hamon dopo aver spiegato il significato dello slogan siamo umanisti adottato da Generation.s, tornare a pensare l’umano al centro del dibattito. Oggi gli esseri umani passano in secondo piano in molte decisioni politiche, la salute degli uomini è secondaria, la vita degli esseri umani arriva dopo la remunerazione del capitale, la redistribuzione dei dividendi, nota: oggi la socialdemocrazia europea è come un’anatra zoppa senza testa, continua a correre, ma non sa di essere politicamente morta. Perchè non ha più un progetto sociale nè un progetto democratico.

Se si considera, infine, che tra Corbyn e Varoufakis si è avviato un solido filo di confronto e rapporto in vista delle elezioni europee di maggio 2019, con la possibile permanenza del Regno Unito nell’Ue, si può coltivare ancora l’utopia di un altro socialismo quello che non si limita a passeggiare nelle aiuole del capitalismo, come ha fatto la socialdemocrazia, magari per togliere erbacce e renderle così più presentabili ma senza porsi il problema di modificare sostanzialmente il sistema.

Fonte: alganews.it

 

SocialismoItaliano1892

E’ un progetto che nasce con l’intento “ambizioso” di far conoscere la storia del socialismo italiano (non solo) dei suoi protagonisti noti e meno noti alle nuove generazioni. Facciamo comunicazione politica e storica, ci piace molto il web e sappiamo come fare emergere un fatto, una storia, nel grande mare della rete.