soc30

PER L’IMPEGNO SOCIALISTA, AMBIENTALISTA, CIVICO

di Mauro Scarpellini

Presentazione
Questa nota è un contributo personale intorno al tema della necessità di una nuova entità politica organizzata che si ispiri a valori e idealità del socialismo quale cultura e proposta di libertà, di emancipazione, di pace, di sviluppo e di progresso, di normalità nelle relazioni e nei ruoli di genere e senza discriminazioni, di visione e gestione laica della società, di eguaglianza nelle condizioni di partenza di tutti i cittadini, di giustizia sociale e giuridica, di diritto di rappresentanza democratica nelle istituzioni per tutti i cittadini, di lavoro, di tutela dell’ambiente terraqueo e di tutti gli altri principi della Costituzione italiana e della Dichiarazione universale dei diritti umani.


sardegna1

IDENTITA’ E DIGNITA’

di Carlo Vincenzo Monaco

L’identità dei sardi è vissuta da secoli con dignità, con compattezza etnica e valorizzazione delle tradizioni storiche sia pur in differenze urbane e territoriali. Più sono grandi le città e più sembra ridursi la riconoscibilità dell’identità locale. L’uso della lingua sarda meno diffusa, poco insegnata e utilizzata nei più popolati aggregati urbani rispetto ai piccoli comuni e paesi delle zone interne. Eppure la riproposizione annuale di riti e manifestazioni centenarie sono vissute con una profonda passione nelle grandi e medie città, sentite e vissute con una valenza anche attrattiva e turistica.

Leggi
unità-toscana

COSTRUIRE CON I CITTADINI IL SOCIALISMO IN TOSCANA

di Riccardo Pellegrini

Socialismo XXI° Secolo, promuove la costruzione del Tavolo di Concertazione per l’Unità del Socialismo in Toscana, con tutte le associazioni, gruppi progressisti e riformisti della sinistra, con movimenti civici che si ispirano al socialismo, dove affrontare i diversi problemi presenti sul territorio, quindi, avere una reale presenza e delle strutture capaci di sostenere la politica necessaria ai meriti e ai bisogni dei cittadini.



inflazione

PARLIAMO DI INFLAZIONE

di Renato Costanzo Gatti

Di fronte all’impennata dell’inflazione che sta sconvolgendo le economie europee, la soluzione prospettata dal senso comune può riassumersi nella seguente proposizione recentemente pubblicata:” Non c’è via di uscita, per frenare l’inflazione, non potendo aumentare il debito pubblico, occorre pagare un prezzo, occorre ridurre i consumi, soprattutto certi lussi che di questi tempi non possiamo più permetterci di avere”.
L’affermazione riportata è di un deprimente buon senso che tuttavia rifugge dall’esaminare le cause e le colpe di chi questa inflazione ha generato. Cerchiamo di approfondire il fenomeno, ricerchiamo anzitutto le cause del fenomeno:
stylish happy new year 2023 event background vector design
facebook twitter instagram custom 
Email Marketing Powered by MailPoet