LA SINDROME DEL “CESPUGLIO”

Grandi manovre per consentire al cespuglio che si dichiara PSI di ottenere una qualche attenzione numeraria da parte del PD; L’argomento oggetto di dibattito da oggi a Milano “il merito ed il Bisogno, fa parte di questa speranza“.
I socialisti invece sono stati importanti solo quando sono stati autonomi (quindi con una loro identità un loro progetto, un loro programma).
Questo lo si ì visto fin dalla nascita del Centro Sinistra, anche se dal ’64 la scissione del PSIUP, agevolata dal PCI e dall’URSS, ne ha ridotto le potenzialità.
Con l’avvento di De Martino e con la “cassandra” repubblicana Ugo La Malfa, che parlava dell’ineluttabilità del comunismo, lo spazio e soprattutto lo stimolo ideale, si sopirono a tal punto che ormai i nostri vertici si erano “rassegnati” a confluire nel PCI.
Solo il 1976 ed il MIDAS, diedero il colpo di RENI per ritrovare lo spirito AUTONOMISTA di cui Craxi e Signorile furono antesignani.
Dopo il disgraziato 1993 crebbe il ragionamento OGNUNO PER SE e Dio per tutti, sia a destra che a sinistra. Cicchitto ed altri a destra, Del Turco ed altri a sinistra (si fa per dire).

Poi i “pendolari“. Ma nessuno lo fece per il PARTITO, che non ci raccontiamo balle.
Boselli col SI fu inventato dal PDS e nonostante la ricomposizione con Intini ed altri (lo stesso Martelli inizialmente), la sindrome dei “cespuglio” rimase nell’interesse dei dirigenti, che anziché rischiare una “vita autonoma” restarono saldamente ancorati alle sedie (anche scomode) messe a disposizione dai catto-comunisti.

Il povero Manca finì addirittura nella CDU e qualcun altro in Alleanza Nazionale: Di fronte a scelte sicure nessun dirigente si è tirato indietro.
Ora abbiamo l’ulteriore imbroglio Un finto “merito e bisogno”, che per essere serio avrebbe dovuto avere preventivamente una grande preparazione e, soprattutto, un’alleanza tra scheletri, che naturalmente non possono avere il sangue caldo che serve ad ogni vertebrato vivente.

Quindi era molto più facile dire: IL PD CI OFFRE TOT SEGGI PARLAMENTARI, per cui a noi dirigenti interessa esserci. Tutto il resto i MATUSA lo possono raccontare a giovanetti imbelli o a qualche interessato ad un posticino di provincia, raccattato con le firme raccolte dal PD.

Giampaolo Mercanzin

SOCIALISMO ITALIANO 1892, è un progetto che nasce con l’intento “ambizioso” di far conoscere la storia del socialismo italiano (non solo) e dei suoi protagonisti noti e meno noti alle nuove generazioni. Facciamo comunicazione politica e storica, ci piace molto il web e sappiamo come fare emergere un fatto, una storia, nel grande mare della rete.